" Lo spettro della droga" - Pablito el Drito

15.00
Sold out
" Lo spettro della droga" - Pablito el Drito

Storia, mercato e politica delle sostanze
Uno spettro si aggira nella cultura planetaria: lo spettro della droga.
Terence McKenna

L’uso di sostanze che alterano gli stati mentali o le funzioni biologiche è antico quanto la civiltà umana. Mentre nelle società premoderne l’uso delle sostanze psicoattive – oppio, coca, funghi – era più consapevole, è nell’epoca moderna e contemporanea che lo scenario muta. Gli interessi delle potenze coloniali hanno cambiato le abitudini, producendo e trafficando del tutto legalmente grosse quantità di droghe. Fino a che nell’ultimo secolo si è propagata l’ideologia della proibizione che non ha aiutato a risolvere il problema dell’abuso, ma ha spesso portato alla trasgressione di massa e alla crescita inarrestabile della criminalità organizzata. Il sistema del narcotraffico internazionale odierno vive e prospera grazie al perdurare del regime proibizionista.
C’è modo di uscire da questo vicolo cieco?
Questo libro si occupa delle interazioni tra sostanze, politica, cultura e società. Si basa su fonti di vario tipo, tra cui quotidiani, letteratura alta e popolare, riviste mainstream e underground, interviste, memoir, reportage tv, saggi di storia, politica, antropologia e farmacologia. La tesi dell’autore è che il controllo delle sostanze sia una faccenda tremendamente politica, perché decide della fortuna o delle disgrazie di intere nazioni, gruppi etnici e sociali. Per liberarci dalle logiche dello sfruttamento, della diseguaglianza crescente e della guerra è necessario saper guardare oltre il presente e immaginare un futuro diverso, anche per quanto riguarda le sostanze.