"L’orologiaio di Porta Genova" di Marco Caccamo

12.00
"L’orologiaio di Porta Genova" di Marco Caccamo

1966 indagine a Milano.
Guardando l’edicola davanti alla stazione gli ritornò alla mente la sagoma, disegnata con il gesso, dell’uomo ucciso.

Nella capitale del boom economico un orologiaio viene trovato morto nel suo negozio. Una persona sola, con un lavoro e una vita normale. In una calda estate nella metà degli anni sessanta parte un’indagine di polizia che segue varie piste. Un’amante segreta? Un movente politico? Qualche grosso traffico clandestino? O semplicemente un cliente impazzito?
Tra i navigli e il quartiere di porta Genova le attività legali ed extralegali si mischiano nei bar e nelle trattorie, dove si ritrovano sia gli operai sia i rappresentanti della piccola malavita locale, detta ligera. Infine ci sono i giovani che ascoltano i Beatles, girano su moto truccate, ballano lo shake, si fanno crescere i capelli e al liceo Parini pubblicano una rivista che si chiama “La zanzara”, destinata a scandalizzare il mondo degli adulti.
Polizia e carabinieri brancolano nel buio e anche il commissario Russo, un terrone che da anni abita in quartiere e conosce a fondo le sue dinamiche, dovrà faticare parecchio per risolvere il caso.