"L’edicola che non c’è" di Moicana

15.00
Sold out
"L’edicola che non c’è" di Moicana

La stampa underground a Milano.

Le riviste underground sono libere di girare per le strade e sono in grado di abbattere le pareti divisorie delle nostre case e quelle del web.

Cosa succederà nel mondo editoriale? La carta finirà nei solai della storia? Se si osserva la società dall’alto dei consigli di amministrazione della Silicon Valley o del quartiere di Pechino Zhongguancun la risposta è scontata, ma se rivolgiamo lo sguardo verso il basso si può notare l’enorme autoproduzione di riviste, fanzine, giornali e opuscoli pubblicati in questi ultimi mesi a livello internazionale.
Le riviste underground sono ineguagliabili strumenti per rigenerare una società immobilizzata dalla pandemia, soprattutto perché non hanno mai conosciuto frontiere geografiche, di classe, di genere o di razza. Da sempre hanno prodotto un’infinità di idee e spunti rivolti alle fasce più deboli, elaborando un’originale funzione educativa alternativa, capace di ricercare nuove ecologie di convivenza civile e lanciare un messaggio sociale contro le diseguaglianze.
Questo volume raccoglie gli studi e i risultati dell’esposizione temporanea di “L’edicola che non c’è”, realizzata nel novembre 2019 sotto la fermata della metropolitana Duomo, durante il festival Bookcity. Tre giorni di mostra e incontri con redattori e attivisti, dove il folto pubblico ha potuto toccare, sfogliare e apprezzare più di trecento riviste pubblicate a Milano dagli anni sessanta a oggi, in un allestimento a rastrelliere divise per decenni. Il libro segue la stessa suddivisione attraverso i testi affidati ai più giovani partecipanti al progetto che ci accompagnano in un viaggio meraviglioso tra le pagine del composito microcosmo della controcultura nel suo svolgersi storico.

pp. 224 • 2021 • illustrato